Berlino work in progress

Due giorni a Berlino non sono pochi, sono niente. Avrei voluto vedere questa città interpretare la bellezza che tutti decantano. E invece no. Berlino oggi è completamente invasa da gru e bucherellata da cantieri. Unter den Linden, la via monumentale più famosa della città è divisa in due da un cantiere centrale che permette a malapena di vedere dall’altra parte. Ho sentito dire che la città sta attuando un piano di ristrutturazione che la renderà più innovativa e bella entro il 2024. E conoscendo lo zelo dei tedeschi so che ce la faranno.

Forse l’avete capito che Berlino non mi ha completamente convinta. Se si fosse fatta vedere senza impalcature sarei riuscita ad apprezzarla di più. Anche la Neue Nationalgalerie si è negata, causa ristrutturazione. A questo punto non mi resta che dirvi le cose che mi sono piaciute della città.

 

Neuer See
Paradiso di pace al limite meridionale del Tiergarten, è un luogo di ristoro con diversi bar e ristoranti da cui si gode di una pacifica vista sul laghetto. I numerosi tavoli di legno vi permetteranno di sedervi senza obbligo di consumazione, oppure potrete servirvi self service ad uno dei bar che lo circondano. Di sera la cornice è ancora più suggestiva con luminarie che lo rendono quasi un piccolo villaggio delle favole.

 

Holocaust Mahnmal
L’architetto statunitense Peter Eisenman ha costruito un vero e proprio labirinto di stele di cemento per onorare la memoria dell’olocausto. Si trova a due passi dalla Porta di Brandeburgo ed è il luogo che non potevo mancare di visitare a Berlino. L’ho visitato in una giornata con un tramonto particolarmente generoso di colori e girovagare tra i monoliti è stato commovente.

 

Mauer Park
Frugare tra le bancarelle è il mio forte e il mio motto è: città che vai mercatino che trovi. A Nord di Berlino ogni domenica questo parco molto wild ospita centinaia di bancarelle. Gioiellieri, pittori, designer e antiquari si susseguono intervallati da ottimi chioschi dove mangiare e sorseggiare birra. Sempre il pomeriggio della domenica l’arena del parco si anima di gente per una frizzante gara di karaoke.

 

Hackesche Höfe
Questi cortili sapientemente ristrutturati nel giro di un paio d’anni sono un tripudio di art nouveau. Costruiti a inizio ‘900 ospitano bar, ristoranti, boutique e il più famoso teatro di cabaret di Berlino: il Chamaleön Varieté. Ve lo consiglio di sera per una passeggiata che vi riporterà indietro nel tempo.

 


East-side Gallery

 


Sony Center – Potsdamer Platz

 


Porzione del muro di Berlino a Mauer Park

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.